EUROPA, SENZA LATTOSIO, UNGHERIA

MERCATO DI NAGYCSARNOK: LO STREET FOOD A BUDAPEST

Mercato di Nagycsarnok - Travel Free From

Volete toccare con mano l’essenza di un posto? Allora dovete per forza recarvi in un mercato rionale. A Budapest sono coperti e uno in particolare richiama schiere di abitanti e turisti: il Grande Mercato di Nagycsarnok. Chiamatelo semplicemente Mercato Centrale.

Mercato di Nagycsarnok primo piano - Travel Free From

Partiamo dalla collocazione del mercato di Nagycsarnok.

Siamo alla fine di una via molto turistica di Budapest: Via Vàci. Sul cartello troverete scritto Vàci Utca ed è la strada dello shopping. Dalle grandi firme fino ai negozietti tipici di souvenir, proprio in prossimità del mercato. Senz’altro una parte di Budapest che vive giorno e notte.

Siamo anche nel IX Distretto, lato Pest, il volto dinamico e mondano della città.

Passarci davanti senza notarlo è praticamente impossibile. L’edificio è monumentale, stile liberty, ingresso gotico. Un trionfo di metallo e ceramiche che culmina nelle colorate maioliche del tetto.

La sua inaugurazione avvenne il 15 marzo 1897 (ricordate la prima festa nazionale civile dell’anno?).

In realtà doveva essere aperto un anno prima, poi ci si è messo di mezzo un importante incendio e siamo arrivati al 1897.

Entrare nel Mercato di Nagycsarnok è un’esperienza che coinvolge tutti e cinque i sensi.

Alla vista sembra immenso. Siamo fra i più grandi e più belli d’Europa.

Mercato di Nagycsarnok  piano terra - Travel Free From

Vi affaccerete chiaramente al piano terra, quello occupato da bancarelle di frutta, verdura e gastronomia in generale.

Mercato di Nagycsarnok  bancarella frutta - Travel Free From

Se mai voleste (e poteste) portare a casa un souvenir gastronomico, questo è il luogo ideale dove acquistarlo.

Se ci vengono i budapestini a fare la spesa, allora vuol dire che i prodotti sono buoni. E, oggettivamente, se non trovate qualcosa di tipico al mercato più grande di Budapest, dove pensate di poterlo trovare?

Qui regnano sovrani paprika (in tutti i sapori), salami ungheresi, fegato d’oca, bottiglie di Tokaji e Unicum. Queste le punte di diamante della gastronomia tipica locale.

Mercato di Nagycsarnok  bancarella souvenir - Travel Free From

Noi intolleranti? Qualcosa potremo acquistare anche noi. Beh, a meno che non siate allergici o sensibili alla paprika, questa spezia è utilizzata in molti piatti delle cucine alternative, soprattutto vegana.

Mercato di Nagycsarnok  bancarella aglio - Travel Free From

Mercato di Nagycsarnok  insegna - Travel Free From

Non vegano, ma senz’altro saporitissimo è il salame ungherese: suino, tanto suino, paprika, aglio, vino bianco. Niente lattosio e nessun’altro allergene, se non quelli già elencati. Se ha subito i processi di lavorazione tradizionale, potrete gustarlo sul posto – ve lo faranno degustare, eccome! – e portarvi a casa una bella forma intera.

In questa bancarella potrete trovare anche del formaggio senza lattosio.

Mercato di Nagycsarnok  bancarella alimentare - Travel Free From

C’è poi, proprio all’ingresso del mercato di Nagycsarnok, sulla vostra destra, una golosissima bancarella dedicata interamente al cioccolato. Sterminate schiere di tavolette di ogni colore e gusto. Frutti, fiori, noci, riso soffiato, tutto ciò che serve per conferire carattere ad una già buona forma di cioccolata.

Mercato di Nagycsarnok  bancarella cioccolata - Travel Free From

Mercato di Nagycsarnok  bancarella cioccolata 2 - Travel Free From

Magra consolazione per noi esigenti speciali: solo della cioccolata al latte senza lattosio e senza glutine. Magra per dire… mi ha fatto compagnia per tutto il viaggio.

Mercato di Nagycsarnok  cioccolato senza lattosio - Travel Free From

Finita la perlustrazione al pian terreno, non potete – che dico? – non dovete perdervi assolutamente il primo piano.

Questo livello è dedicato agli artigiani ungheresi. Pelletteria, souvenir, cristalli, merletti, anche qui, se dovete scegliere un ricordo budapestino da conservare o regalare, non potrete uscirvene a mani vuote.

Personalmente, sono stata molto colpita dai  ricami e dai merletti. Donne a caccia del corredo nuziale, qui si spende bene! Scherzi a parte, un ricamo floreale molto colorato e ricorrente, in diversi motivi, in giro per la città. Poi vi farò vedere.

Mercato di Nagycsarnok  merletti - Travel Free From

Al di là dei souvenir, il primo piano è quello dedicato allo street food. Sült kolbász (una salsiccia fritta), hurka (carne di maiale saporita con fegato o con il sangue) e poi lei, la lángos.

Mercato di Nagycsarnok  street food - Travel Free From

Mercato di Nagycsarnok  street food 2 - Travel Free From

Sua maestà la lángos, direi. Una pizza fritta, letteralmente. Acqua, farina, lievito, sale, punto. Niente lattosio, niente uova, niente grassi di nessun genere, a parte l’olio della frittura, s’intende. Vi pare niente?

Mercato di Nagycsarnok  insegna langos - Travel Free From

Quella tipica è farcita con panna acida, formaggio, aglio e poi tutto quello che vorrete aggiungervi. La base del condimento è comunque costituita da questi tre ingredienti.

Mercato di Nagycsarnok  condimenti langos - Travel Free From

Niente paura, però, ve la farciscono come volete, per cui, che siate intolleranti al lattosio o vegani (meglio se vegetariani) alle uova o ad altri ingredienti, potrete scegliere voi la farcitura che preferite.

Mercato di Nagycsarnok  opzioni langos - Travel Free From

Occhio però, mi sto rivolgendo agli intolleranti ed anche a quelli che hanno un ampio margine di sopportazione. Agli intolleranti gravi o agli allergici dico: pensateci bene prima di consumare una lángos qui. In un luogo dove certamente non sanno cosa sia l’HACCP, dubito possano garantirvi l’assenza di contaminazioni, anzi… qui è tutta una contaminazione. È questa che dà sapore a tutto. Potrete trovarla ovunque, anche nei ristoranti tipici, per cui pazientate e riservatela a luoghi più ocntrollati.

In ogni caso la mia lángos è stata questa: prosciutto, rucola, paprikoso e saporito salame ungherese.

Mercato di Nagycsarnok  langos - Travel Free From

Chiaramente l’ho divisa con la mia compagna di viaggio. Impossibile consumarne una intera, non se avete già pranzato e avete anche in programma la cena, di lì a breve.

Per gli amanti del dolce? Certo, ci sono anche le lángos dolci: marmellate, cioccolata e tanto zucchero a velo. Ecco qui!

Mercato di Nagycsarnok  langos dolci - Travel Free From

Sicuramente quello del mercato di Nagycsarnok non è l’unico posto in cui trovare del buon cibo di strada. I chioschetti in giro per la città, soprattutto sulle due colline, non vi risparmieranno i migliori manicaretti street. Non li approfondisco ulteriormente perché sono abbastanza carichi di allergeni. Potrete sempre consolarvi gustandovi la preparazione, almeno questa vi sazierà la vista.

Mercato di Nagycsarnok  trdlo - Travel Free From

Mercato di Nagycsarnok  trdlo da mangiare - Travel Free From

Tornando al mercato, vi è piaciuto? A me tanto. In generale sono molto attratta dai mercati delle città europee. Sono loro i veri custodi dei tesori tipici di una terra e di chi ci vive. Un tuffo nella Budapest di tutti i giorni, insomma.

Dimenticavo: al piano sotterraneo ci sono i pescivendoli…questi non ho fatto in tempo a visitarli.

Ultima info pratica. Gli orari di apertura sono: tutti i giorni dalle 06:00 del mattino fino alle 17:00 – 18:00 del pomeriggio, tranne il sabato che chiude alle 15:00. Domenica chiuso.

Ora avete tutti gli elementi necessari per fare anche voi una bella visitina al mercato di Nagycsarnok.

Poi fatemi sapere, come sempre.