Borghi, Caseari, Puglia, Sapori Free From

VALLE D’ITRIA: CISTERNINO FREE FROM

Cisternino

Come Martina Franca anche Cisternino è ricca di Fornelli. Noi non abbiamo potuto resistere all’ambiente rustico ed all’assoluta varietà del menu offerto dalla Osteria-Macelleria Porta Grande.

Cisternino_1

Questo può tornare utile anche a tutti coloro che non sposano una dieta a base di carne, perché c’è una vasta scelta di primi e contorni a base di legumi e verdure.

Per il tipo di cottura allo spiedo ed alla brace, ma di questo chiedete conferma, è il caso che gli allergici o gli intolleranti al nichel prestino particolare attenzione ai materiali utilizzati. Ma come potete vedere in foto, spesso, molte delle pietanze vengono cotte e servite in ciotole di terracotta.

Cisternino_3

Cisternino_2

Prima di rifocillarci, però, ci siamo letteralmente persi nel reticolo di strade e stradine del centro storico, di cui rimane impressa l’abbagliante bellezza di uno dei borghi più belli d’Italia, degno della bandiera arancione di cui è insignito.

A differenza di Martina Franca, Cisternino è più piccola e raccolta, più rustica e semplice, più identificativa della cultura contadina e artigiana locale.

Girando intorno al centro storico, mi sono persa ad ammirare la Valle ai miei piedi. Attraversandone le vie, inebriata dall’odore della carne al fornello, mi ha illuminato il candore delle case tinteggiate di calce, che a tratti non si sono risparmiate nell’offrirmi perle di saggezza ed insegnamenti di vita.

Cisternino_4

Cisternino_5

Cisternino_6

In questo borgo, a fare da padrona sono l’architettura spontanea e contadina del centro storico, i reperti romani, le chiese paleocristiane con una nota orientale e bizantina.

Ciò che più mi ha colpita è stata la Chiesa di Cristo o Chiesa Nuova, che si affaccia su uno dei belvedere che circondano il centro storico, ed è chiamata così perché, fra tutte le chiese storiche, è quella più recente (1860 d.c.). Caratteristica principale è la sua forma concentrica e la semplicità della facciata, che da una parte mi hanno ricordato un pantheon romano, dall’altra, per i materiali utilizzati, sembra quasi richiamare l’architettura contadina di un trullo.

Cisternino_7

Cisternino_8

Cisternino_9

Di lì a poca distanza, sono sicuramente da visitare la Torre del Vento e la Chiesa Madre di San Nicola di Patara, in cui vi sembrerà di tornare indietro nel tempo, con il suo stile medievale e romanico.

Cisternino_10 Cisternino_12

 

Cisternino_11

Suggestiva anche la chiesetta di Santa Lucia.

Ancora il Palazzo del Governatore, accanto alla Porta Piccola, una delle porte che delimitano l’accesso al centro storico.

Cisternino_13 Cisternino_14

Ed infine, ma non certo per importanza, i contorti vicoli del centro, di cui, come me, non potrete fare a meno di fotografarne ogni angolo.

Cisternino_15 Cisternino_16

 

Cisternino_17

A questo punto non mi resta che salutarvi, invitarvi a visitare questi splendidi borghi e farmi sapere se anche voi avete avuto una buona esperienza Free From o se avete conosciuto altre strutture attente alle nostre esigenze.

Alla prossima!