BIOLOGICO, EMILIA ROMAGNA, Sapori Free From

SANA 2017: LA MIA BREVISSIMA ESPERIENZA AL SALONE DEL BIO

Sana 2017 - Travel Free From

Quella al Sana 2017 è stata davvero una toccata e fuga. Tre ore intensissime, durante la prima giornata, a cercar di raccogliere più materiale possibile da raccontarvi nei prossimi mesi.

Il Sana 2017 è stata la 29° edizione del Salone Internazionale del Biologico e del Naturale e, come tutti gli anni, si è tenuto nel quartiere fieristico di Bologna.

Sana 2017 Bologna - Travel Free From

Per me è stata la prima esperienza, per quanto seguissi la fiera già da diversi anni.

A differenza dell’anno scorso, in occasione di altre fiere internazionali in Italia, settore viaggi e Free From, qui ci sono venuta con un’idea molto chiara, un progetto definito, e una lista di aziende già stilata prima di partire.

Alcune di loro già le conoscevo. Meglio, conoscevo i loro prodotti, ma non ho mai avuto occasione di approfondire direttamente con chi ci lavora. Altre le ho scoperte in itinere, e che scoperte.

Non vi anticiperò nulla, perché il progetto che ho in mente è ambizioso, richiederà molto lavoro e diversi approfondimenti.

Al di là della ragione principale, che mi ha condotta qui, c’è sempre la spinta della curiosità a farti muovere fra gli stand. Così, che siate del settore, appassionati, esigenti o, semplicemente, visitatori, una capatina non guasta mai.

Come si è articolato il Sana 2017?

Inutile scrivervi che l’estensione della fiera è stata molto vasta. Diversi i padiglioni coinvolti ed organizzati per temi.

Primo fra tutti, almeno nei termini di questo blog, è stato il settore dedicato all’alimentazione biologica. Schiere di stand tutte dedicate al cibo, mi permetto di scrivere, non solo biologico, ma Free From in generale. Molte sono state le aziende presenti che dedicano attenzione anche ad un’offerta gluten free, vegana e priva dei più diffusi allergeni.

Sana 2017 mele bio - Travel Free From

Qui, ammetto, mi sono scatenata. Vi ho trascorso la maggior parte del mio tempo e sono passata da uno stand all’altro per chiedere, ascoltare, degustare, testare e raccogliere informazioni. Inutile scrivere che tre ore son state davvero esigue per tracciare un quadro chiaro e completo di tutta l’offerta presente. Come vi ho già scritto, sono andata a colpo sicuro seguendo un itinerario già stilato.

Gli altri settori espositivi del Sana 2017 sono stati: Cura del Corpo Naturale e Bio e Green Ligestyle.

Ho fatto una passeggiata molto veloce in entrambi e ce n’era da far girare la testa. Molte le aziende di cosmetica presenti, con linee dedicate al bio, al nickel tested ed al vegan. Non solo, la gamma benessere era coperta quasi tutta, come anche oggettistica, arredi, edilizia. Tutto in chiave bio e naturale.

Sana 2017 visitatori - Travel Free From

Direi, il paradiso per chi sposa questo stile di vita.

Non solo. Fra gli espositori presenti al Sana non sono mancate le novità, le proposte più innovative e le edizioni limitate. Di queste molte potevano essere acquistate direttamente nell’area shop.

Il settore che ha catalizzato la mia attenzione, subito dopo quello alimentare, è stato il Vegan Fest.

Tutta una sezione del Sana 2017 dedicata a proposte, prodotti e offerte vegane. Una fiera nella fiera, voluta e certificata VeganOk.

Sana 2017 veganfest - Travel Free From

Qui, purtroppo, ho trascorso solo pochi minuti. Sufficienti a farmi scoprire quantità di dolci e gelati vegani, buonissimi e senza gli allergeni che devo evitare. Volete vedere qualcosa? Va bene. A me son venuti gli occhi a cuoricino.

Sana 2017 dolci vegani - Travel Free From

Sana 2017 gelato vegano - Travel Free From

Tirando le somme, molti di voi che già mi seguono sui social e sapevano di questa puntatina al Sana, mi hanno chiesto come sia stata e se ne sia valsa la pena.

La mia risposta è: non posso fare un confronto con altre edizioni precedenti, né ho trascorso tempo a sufficienza per farmi un’idea chiara e completa di tutte le esposizioni. Ciò nonostante, credo sia la più rappresentativa del genere, almeno a livello nazionale. E quando scrivo genere, non intendo solo bio e natural, ma Free From. Le due cose vano sempre più di pari passo ed è molto frequente imbattersi in prodotti che rispettino la natura, non facciano uso di sostanze chimiche e siano anche idonee a coloro che hanno esigenze speciali.

In sostanza, se anche non vi trovaste a lavorare nel settore, ma siete semplicemente incuriositi dall’argomento, non disdegnate di farci un salto. Per quest’anno è andata, ma non è mai troppo presto per programmare una trasferta futura.

Oltre a tutte le aziende presenti ed alla quantità di prodotti da testare, non sono mancati eventi, cooking show, seminari e convegni, senza dimenticare i fuori salone.

Sana 2017 cooking show - Travel Free From

Per me, che ho trascorso mezza giornata in fiera e mezza giornata in giro per Bologna, è stato abbastanza evidente notare come tutta la città di sia “tinta di verde”. Dai menù a tema fino alle inaugurazioni di centri e locali dedicati, le occasioni per toccare con mano uno stile di vita più sano, certo, non sono mancate, almeno nei quattro giorni dedicati alla campionaria.

Per ora non ho da aggiungere altro, riguardo al Sana 2017. Desidero, però, ascoltare i commenti di chi ci è stato. Su quale settore vi siete concentrati di più? Quali novità vi hanno colpito?

In più, non perdete di vista i miei aggiornamenti, se volete scoprire cosa bolle in pentola.

La prossima settimana, ce ne andremo un po’ in giro per Bologna.