ITINERARI GASTRONOMICI, Puglia

PRANZO DI NATALE IN PUGLIA: 10 LOCALI CON PROPOSTE “SENZA”

Pranzo di Natale in Puglia - Travel Free From

Natale con i tuoi, sì grazie ma comodamente seduti al tavolo di un ristorante. La festa più attesa dell’anno si trascorre in famiglia e su questo non si discute, ma qualcuno, anzi molti optano per uno dei tanti menù preparati per l’occasione, dai diversi locali. Per tale motivo da quest’anno vorrei passare in rassegna alcune delle offerte disponibili nelle differenti regioni d’Italia, partendo con una carrellata di menù per il pranzo di Natale in Puglia.

Sia chiaro che non li ho scelti a caso. Praticamente quasi tutti i ristoranti ci fanno la festa a suon di pranzi e cenoni. Quelli che ho selezionato io tengono conto di una caratteristica in particolare, quella che ci interessa di più: la possibilità di gustare buoni piatti che siano anche “senza”.

Ecco allora, a meno sette giorni dal nostro Pranzo di Natale in Puglia, quali opzioni possiamo prendere in considerazione per un menù senza glutine, senza lattosio o vegano.

Ci tengo a precisare che l’elenco non è affatto esaustivo, anzi. Alcune alternative le ho testate direttamente, altre solo conosciute di fama, altre ancora sono nella mia wish list per il prossimo anno. Una cosa è certa che non coprono assolutamente l’intera offerta regionale per un pranzo di natale in Puglia senza rinunce.

Premesso tutto questo, partiamo subito con le proposte.

PROVINCIA DI FOGGIA

MENFREDONIA

Vi propongo Manfredonia, oltre che per le iniziative natalizie, soprattutto per la sua posizione nevralgica a ridosso del Gargano. Da qui si dipanano tutte le vie che vi conducono verso i principali borghi del promontorio, dalle mete prettamente religiose e culturali fino a quelle balneari, con il loro carico di fascino anche in inverno.

A dieci minuti di macchina dal centro città c’è il Regio hotel Manfredi, parte del circuito Alimentazione Fuori Casa dell’Associazione Italiana Celiachia (AFC – AIC), che propone per Natale anche piatti senza glutine e adatti a diversi tipi di intolleranze alimentari.

Eccovi le portate.

  • Lonzino affumicato di maialino con finocchio e arance;
  • involtino di verdure alla brace;
  • orecchiette di grano arso con bocconcini di agnello, pomodoro fresco e rucola;
  • lasagnetta leggera con prosciutto di praga e funghi porcini;
  • filetto di maialino alle prugne, pancetta affumicata e rosmarino;
  • tortino di patate e speck;
  • cheescake alle fragole a salsa al cioccolato bianco;
  • dolci natalizi;
  • beverage: vini Doc della casa, acqua.

Prezzo per persona 35 Euro, che scende a 20 Euro per bambini dai 5 ai 12 anni.

Info e prenotazioni sulla pagina dedicata dell’Hotel.

CERIGNOLA

Per le stesse ragioni vi propongo anche Villa Demetra, una sala ricevimenti proprio a ridosso della Strada Statale 16, che attraversa tutta la Puglia, fino a Lecce. Siamo a pochi Km da Cerignola – in direzione Foggia – un’altra città dalla posizione nevralgica che vi consentirà di spostarvi comodamente per tutta la parte settentrionale della regione.

Anche questo ristorante fa parte del circuito AFC-AIC ed è preparato a gestire ogni tipo di richiesta ed esigenza alimentare.

Questo il menù proposto da loro.

  • Entrée dello chef
  • carpaccio tiepido di salmone e zucchine con scamorza funè e olive taggiasche;
  • tortino di zucca gialla e funghi porcini con fogliette di filetto San Marco e riduzione di aceto balsamico di Modena;
  • tortelli in farcia di Castelmagro e basilico fresco, in vallutata di asparagi e speck;
  • paccheri di pesce spada su crema di zafferano e pachino grigliato;
  • filetto di ombrina con dadolata di verdure croccanti;
  • sorbetto
  • vitello al pepe verde con purea di patate e arance caramellate
  • fantasia di frutta, open bar, dolci natalizi
  • prosecco Valdobbiatene
  • Nero di Troia Note Forti
  • Pecorino Terre di Chieti

Il prezzo a persona è di 75 Euro. Potete trovare tutte le informazioni per prenotare direttamente sulla pagina dedicata.

PROVINCIA DI BAT

CANOSA DI PUGLIA

Canosa di Puglia nasconde diversi tesori da scoprire, soprattutto se siete appassionati di archeologia. Fra questi vi segnalo il museo Archeologico di Palazzo Sinesi e gli ipogei sparsi per la città. Se poi voleste unire l’utile al dilettevole, in una di queste aree di interesse, precisamente zona Costantinopoli, viene allestito anche il presepe vivente. Quest’ultimo è visitabile solo in date specifiche: 26-27-28 dicembre e 3-6-7 gennaio 2018.

Per il pranzo di Natale in Puglia, invece, vi mostro il menù predisposto dal Twins, un ristorante a due passi dalla zona del presepe, proprio all’ingresso di Canosa, inserito nell’elenco AIC-AFC e molto attento alle intolleranze alimentari.

  • Pesce spada marinato allo Chardonnay con salsa di prezzemolo;
  • mousse di peperoni con crostino croccante e alici marinate;
  • torretta di patate e cozze tarantine;
  • filetto di maialino e chicchi di melograno;
  • burrata pugliese in caprese;
  • pasticcio di spinaci e crema di bufala;
  • strozzapreti con vongole veraci al profumo di ricci di mare;
  • strascinati di grano arso con Norcia e ricotta marzotica su crema di broccoli;
  • straccetti di puledro sfumati al marsala su vellutata di castagne, dadolata di zucca e patate;
  • pot-pourri di frutta in cornice di chantilly;
  • tradizioni natalizie;
  • Prosecco Blanc de Blancs Cantina Rivani, Falanghina cantina Beppe Bulo, Aglianico cantina Beppe Bulo.

Prezzo a persona 45 Euro. Per le prenotazioni vi rimando alla pagina dei contatti del Twins.

TRANI

Uno dei più bei gioielli della regione, per me, rimane sempre Trani, con le sue case in pietra, la splendida cattedrale sul mare e il porto turistico.

In questo angolo di Puglia, da pochi mesi, ha aperto un locale interamente dedicato alla cucina vegana, con diversi piatti realizzati con materie prime locali e stagionali, il vegano che piace a me, insomma. Il suo nome è Pesto di Pistacchio, è localizzato in via Tiepolo, vicino alla Villa Comunale e per Natale ci propone questo menù.

  • Entrée: petalo di barbabietola con insalata russa e calice di prosecco;
  • antipasti: panettone salato gourmet, calzone rivisitato di cipolla porraia con olive taggiasche e uva sultanina, spiedini di ravioli fritti con fonduta di Gondino, nido di polenta bramata con zuppa di funghi porcini, tortino di patate e anacardi con riduzione di melograno e scaglie di tartufo;
  • primi piatti: crespella con ricotta di soia e pesto di pistacchio, risotto allo champagne;
  • secondi piatti: goulash vegano con patate alle erbe provenzali, sorbetto al fico d’india
  • dolci della tradizione natalizia
  • liquore e caffè
  • vini al calice in abbinamento con tutti i piatti

Prezzo per persona 60 Euro. Tutte le info disponibili sulla pagina del locale.

PROVINCIA DI BARI

BARI

Nel capoluogo della regione vi segnalo un locale che ho già provato personalmente, esattamente un anno fa. Il suo nome è Al Raffaello e rientra nell’elenco AFC-AIC.

Il ristorante è localizzato in pieno centro, precisamente via Principe Amedeo, è quindi tranquillamente raggiungibile a piedi dalle vie principali della città.

Per Natale hanno preparato un menù interamente disponibile anche in versione senza glutine e senza lattosio.

  • Tempura farcita di alici fresche;
  • sformato di rape stufate con pachino mielato;
  • tartare di tonno rosso in salsa di lime e avocado;
  • capasanta di pane croccante del nostro pizzaiolo;
  • calzone ricolmo di cipolla con uva sultanina e caciocavallo affumicato;
  • cannelloni “Al Raffaello” ripieni ci zucca e ricotta;
  • paccheri al gamberone e pepe rosa adagiati su specchio di broccolo pugliese;
  • trancio di salmone in crosta di sesamo con salsa allo zenzero e arancia;
  • brasato di manzo in demi glace ai funghi porcini e castagne con isolotto di pere caramellate;
  • frutta imperiale – tripudio di dolci dello chef – panettone, pandoro e spumante;
  • acqua, bibite, vino locale, caffè e amari.

Prezzo per persona 50 Euro, menù per bambini 20 Euro. Per le prenotazioni e informazioni più dettagliate vi rimando al sito del ristorante.

ALBEROBELLO

Soprattutto se siete vacanzieri e venite per la prima volta in Puglia, non potete perdere la tappa di Alberobello. Il simbolo della regione in tutto il mondo che, nel periodo di Natale, si tinge di caldi colori grazie al Light Festival, proiezioni di luci e simboli natalizi sulle facciate dei trulli.

Esaurita la passeggiata fra le vie del borgo, potrete trovare ristoro per il vostro pranzo di Natale in Puglia alla Chiusa di Chietri. Si tratta di un hotel e Spa a quattro stelle, inserito nel circuito AIC – AFC, appena fuori dal borgo e immerso in un parco di 10 ettari nel cuore dell’Alta Murgia.

Per le festività hanno predisposto dei veri e propri pacchetti soggiorno che prevedono pernottamento, pasti e percorsi benessere. I prezzi delle offerte si aggirano fra i 109 Euro per l’Epifania e i 390 Euro per Capodanno. Quello natalizio, invece, costa 260 Euro. Chiaramente potrete optare anche solo per i singoli pasti e, a questo proposito, vi mostro il menù preparato per il pranzo di Natale disponibile anche senza glutine.

  • Mixed Cocktails;
  • gazpacho di pomodorini, cetrioli e cipolla rossa, panzerottini con mozzarella e pomodoro, piccolo primo sale fritto, mini pizza con olive e tonno e scagliozza di polenta fritta, salmone selvatico al vapore con gelatina di passion fruit, terrina di carote di Polignano e mandarino con insalata di finocchi e arance con dressing di agrumi;
  • -scialatielli con scampetti, vongole veraci e carciofi con coriandoli di zucchine su crema di patate di Polignano al limone;
  • trancio di dentice d’amo con guazzetto di cannocchie e frutti dell’adriatico e pomodorini invernali con gambero rosso in tempura alla farina di ceci;
  • tartelletta di frangipane di mandorle e pere con savarin di mousse al cioccolato al caramello con salsa al mandarino e bouquet di frutta fresca;
  • dolcetti natalizi
  • selezione di vini de La chiusa di chietri, acqua minerale e spumante.

Prezzo per persona 55 Euro. Per info e prenotazioni vi rimando al sito della Chiusa di Chietri.

POLIGNANO A MARE

Altra destinazione imperdibile per il vostro pranzo di Natale in Puglia, soprattutto se siete forestieri, è Polignano a Mare. Ve l’ho già mostrata in più di un’occasione e anche se non siamo in piena stagione balneare vale sempre la pena venirci per ammirare gli splendi scorci a strapiombo sul mare.

Il menù che vi mostro, invece, è stato preparato da un ristorante che si chiama Sant&Bice, a circa 10 minuti di macchina dal centro di Polignano, parte del circuito AIC – AFC e disponibile senza glutine.

  • Antipasto di mare a persona: gocce croccanti con spuma di stoccafisso, carpaccio di pesce spada con insalata di mele e rucola, veli di salmone in agrodolce con lime e pepe verde;
  • antipasto di terra a persona: manzo al pepe nero con agrumi, crostini con fonduta di formaggio, salame di cervo e veli di prosciutto crudo e nodini del casaro;
  • primi: calamarata con vongole e calamari su crema di zucca, lasagne verdi con radicchio e speck;
  • crudité;
  • secondo a scelta fra: agnello scottadito o trancio di pesce spada alla brace, spicchi di patate e prezzemolo;
  • frutta esotica e di stagione;
  • dessert: dolci della tradizione natalizia polignanesi
  • caffè e rosoli della casa.

Prezzo per persona 40 Euro. Per info e prenotazioni potete consultare il sito di Sant&Bice.

TARANTO

Qui vi porto direttamente nel capoluogo per assaporare il pranzo di Natale in Puglia, precisamente allo Zenzero.

Non siamo in un locale con il simbolo dell’AIC- AFC, ma in un ristorante dedicato esclusivamente alla cucina vegetariana e vegana. Anche loro, il 25, ci propongono un menù dedicato.

  • Antipasti: crostino di benvenuto, pinzimonio di verdure croccanti con dip di avocado, pot-pourri di melanzana, budino di piselli con cipolla di acquaviva caramellata, tartufi salati alle mandorle, polenta con asparagi, cestino di pasta fillo, carpaccio di sedano rapa con acidulato di mele e crumble di frutta secca;
  • primi piatti: crespella di farina di ceci con funghi porcini e caciocavallo, gnocchetti di barbabietole con gorgonzola e castagne;
  • secondi piatti: rollè di patate con contorno di insalatina di finocchio e melograno;
  • dolce della casa
  • bibite

Prezzo a persona 40 Euro. Info e prenotazioni direttamente sulla pagina del locale.

PROVINCIA DI BRINDISI

CISTERNINO

Uno dei borghi più belli d’Italia per il suo candore ed il suo panorama a tutto tondo sulla Valle d’Itria. Vi ho già mostrato gli scorci più suggestivi di Cisternino e tutte le ragioni per cui inserirlo in un tour natalizio. Siamo nella zona in cui le macellerie si trasformano in “fornelli” per farvi assaporare tutta la bontà del capocollo e della zampina.

Per il nostro pranzo di Natale in Puglia, abbandoniamo la rusticità dei piatti della tradizione e scegliamo un locale, sempre del circuito AIC, attento alle esigenze speciali degli ospiti e dal gusto più raffinato.

Sto per mostrarvi il menù dell’hotel lo Smeraldo, a 10 minuti di macchina dal centro del borgo, in contrada don Peppe Sole, 22.

  • Aperitivo;
  • antipasto con melone prosciutto, speck, coppa e bocconcino;
  • carpaccio di bresaola e tacchino;
  • insalata di mare, salmone fresco,polpo in pignata su purè di patate;
  • cavatelli ai frutti di mare;
  • risotto con salsiccia,carciofi e radicchio;
  • cruditè;
  • orata al forno con olive;
  • sorbetto al limone;
  • costata di vitello alla brace;
  • composizione di frutta e gelato;
  • torta natalizia

Per ricevere informazioni sul prezzo e prenotare seguite il link al sito dell’hotel.

LECCE

La culla del barocco pugliese che per le festività invernali si riempie di tante iniziative ed eventi.

Accanto a queste inseriamo anche il pranzo di Natale in Puglia al grand hotel Tiziano e dei Congressi. Qui saliamo decisamente di livello, ma non di costo. Siamo nel centro di Lecce, a cinque minuti a piedi da Piazza Sant’Oronzo ed eccovi il menù che ci propongono anche in versione senza glutine.

  • Antipasti: prosciutto crudo di Norcia al pepe, stracciatella al latte con pistacchio, spuma di Patate alla menta con caciocavallo, gamberone Orly con verdurine in carpione;
  • primi piatti: riso Carnaroli al parmigiano con ragù di Cinghiale e timo, gnocchi di patate viola con Gamberetti, calamari spillo e broccoli;
  • secondi piatti: faraona ripiena con funghi porcini al Negramaro, tortino di patate;
  • dessert: frutta fresca, dolce Natalizio di pasta di mandorla, panettone artigianale
  • bevande: vino locale e acqua minerale

Prezzo per persona 40 Euro, info e prenotazioni direttamente sulla pagina dedicata del sito.

Potrei andare avanti ancora per molto ed elencarvi tutti i menù free from che possono venir fuori dai ristoranti per il pranzo di Natale in Puglia.

Ne ho selezionati solo alcuni, partendo dagli elenchi dell’AIC, come avrete notato, e verificando successivamente la possibilità di soddisfare anche altre richieste più specifiche.

I menù appena elencati, infatti, sono disponibili anche senza altri allergeni o ingredienti che dovete evitare. Basterà semplicemnte avvertire il personale al momento della prenotazione.

Voi, invece, dove trascorrerete il Natale? Conoscete altri locali in Puglia che hanno preparato un pranzo di Natale anche “senza”?