Cultura, Puglia, Sapori Free From

MONTE SANT’ANGELO: MISTICISMO E TRADIZIONE FREE FROM.

Monte Sant Angelo - Travel Free From

Per il mio ultimo pic-nic non ho scelto esattamente un bosco, un prato fiorito o una spiaggia. Monte Sant’Angelo è stata la località in cui ho consumato la mia insalata di riso, piselli e seppioline.

Della ricetta vi ho già scritto, ora mi sembra giusto mostrarvi alcuni scorci di questo affascinante paesino del Gargano.

Monte Sant’Angelo è uno dei Comuni più alti del promontorio pugliese ed è famoso per il Santuario di San Michele, Patrimonio dell’Umanità.

Monte Sant'Angelo-scorcio1-Travel-Free-From

Proprio così, arriverete qui e sarete travolti da fiumi di pellegrini in visita alla chiesa più famosa. Si tratta, principalmente di una meta religiosa.

Monte Sant'Angelo santuario - Travel Free From

Non solo, aggiungo. Che siate credenti o no, Monte Sant’Angelo merita una visita, prima di tutto per i panorami che potrete ammirare lungo la strada, poi per le attrattive artistiche e culturali e, infine, non certo per importanza, per l’enogastronomia.

Monte Sant'Angelo-paesaggio-Travel-Free-From

Partiamo da questa, visto che amiamo parlare di cibo.

Ci sono due prodotti tipiche che potrete acquistare a Monte Sant’Angelo e che sono assolutamente Free From: il pane e le ostie.

Il pane di Monte Sant’Angelo è famoso in tutto il mondo, e non credo di esagerare ad affermare ciò. Si tratta di un pane con una tradizione molto antica alle spalle.

A noi intolleranti può piacere per molte ragioni. In primo luogo, si tratta di un prodotto assolutamente genuino. Niente conservanti, additivi, latte o altro per renderlo morbido. Solo farina “0”, acqua, sale e lievito naturale, o pasta madre. “Crescente” è il nome che viene dato al lievito madre, da queste parti. Da produttrice di pane in proprio da ben tre anni, posso dirvi che anche a casa utilizziamo questo termine, dialettalmente. E sempre da produttrice di pane homemade, posso dirvi che mai ne ho assaggiato uno così.

Sul gusto, non c’è molto da dire, infatti, se non che è uno dei più buoni che possiate assaggiare in vita vostra. Non lo scrivo perché sono di parte, anzi. Sono amante anche del pane di Altamura, ma questo ha una leggerezza particolare. Credo non sia un caso che si venda in pagnotte di grosse dimensioni ( 5 kg in media), potreste mangiarne a quintali e non accorgervene neanche.

Monte Sant'Angelo-pane-Travel-Free-From

A proposito di pic-nic, ho visto molta gente stendere la sua bella tovaglia a quadretti, affettarlo e condirlo con gli ingredienti più disparati, acquistati sul posto o portati da casa. Come dire, non esiste altro ingrediente se non questo, qui a Monte Sant’Angelo, per i pasti fai da te.

Io non ho seguito la massa. Il pranzo me lo son portata da casa. State tranquilli, però, qualche idea sfiziosa su come “condire” il vostro pane di Monte, va la darò nella prossima ricetta.

Monte Sant'Angelo-picnic-Travel-Free-From

Passiamo alle ostie di Monte Sant’Angelo. Queste sono letteralmente delle ostie, realizzate solo con acqua e sale e ripiene di mandorle caramellate (miele, limone, mandorle zucchero e cannella).

In che senso ripiene? In questo senso: una sorta di sandwich.

Monte Sant'Angelo-ostia-Travel-Free-From

Anche queste genuine, leggere e una tira l’altra. Nessun conservante, niente lieviti, anche se è molto presente lo zucchero. Niente latte o uova. Un dessert semplice che può mettere (quasi) tutti d’accordo e sicuramente adatto per un pic-nic, da queste parti, per la praticità delle sue confezioni.

Vi ho scritto solo dei prodotti di punta, ma in quel del Gargano, e anche a Monte Sant’Angelo, potrete acquistare molti altri prodotti locali, idonei anche per le vostre esigenze. Alcuni esempi: il formaggio di capra garganica o la muscisca. Ma queste saranno altre storie.

Molto rapidamente, invece, vediamo cosa visitare di bello a Monte.

Monte Sant’Angelo è tutta caratteristica, non andrebbe perso neanche un angolo di questo piccolo paesino di montagna.

Il monumento di maggior richiamo, come scrivevo all’inizio, è senz’altro il Santuario di San Michele. Un luogo pregno di misticismo anche solo leggendone la storia.

Monte Sant'Angelo-santuario-dettaglio-Travel-Free-From

Diverse le apparizioni, numerose le leggende, più di tutto, curioso il suo allineamento con gli altri santuari dedicati all’Arcangelo Michele, su una retta che conduce dall’Irlanda dritta a Gerusalemme.

Al di là di questo, si tratta di un santuario unico. La chiesa è stata realizzata per buona parte nella sacra grotta, per cui vi troverete, scendendo diversi gradini, direttamente a contatto con la pietra viva del Gargano.

Monte Sant'Angelo-santuario-scale-Travel-Free-From

Un percorso da seguire con lo spirito e con gli occhi. Potrebbe valere l’intero viaggio, se siete amanti del genere.

Oltre al santuario, diversi sono gli altri monumenti, sia sacri che civili. Per questo potreste seguire i segnali posti lungo le vie di Monte, in cui sono indicati i diversi itinerari.

Io sono andata un po’ a braccio e ciò che ho visto è stato questo.

Il Castello e le mura.

Monte Sant'Angelo-castello1-Travel-Free-From

Il Complesso di San Pietro, con il Battistero di San Giovanni – Tomba di Rotari e la Chiesa di Santa Maria Maggiore.

Monte Sant'Angelo-complesso-san-pietro-Travel-Free-From

La Chiesa di Santa Maria del Carmine e l’Abbazia di Pulsano. Quest’ultima è a pochi chilometri dal paese.

Monte Sant'Angelo-chiesa-Travel-Free-From

Questi sono solo alcuni spunti, sia chiaro. A Monte Sant’Angelo potreste riempire diverse giornate, volendo visitare tutto con calma, inclusi vicoli e botteghe artigiane.

Noi, purtroppo, siamo stati sorpresi da un brutto temporale e siam dovuti scappare. Ciò nonostante, abbiamo riempito a sufficienza il nostro bagaglio di cultura ed esperienza e, senz’altro, torneremo presto, come sempre.

Chi di voi ci è stato? Cosa avete visitato di diverso?