Malta, SENZA GLUTINE, SENZA LATTOSIO

LA FONTANELLA: A MDINA SI VA DI TORTE E FTIRA SENZA LATTOSIO

La Fontanella

Dopo tanto camminare per le strade dell’antica Mdina, mi sembra giusto portarvi a mangiare nel locale che può ben rappresentare le sue tradizioni. Passeggiando lungo la cinta muraria che circonda il borgo, vi imbatterete in un Tea Garden dalla vista impareggiabile: La Fontanella.

La Fontanella Tea Garden ha sede, precisamente, al numero 1 di Bastion Street, nella vecchia capitale di Malta.

La Fontanella-11

Come tutto il borgo di Mdina, anche questo locale è caratterizzato da spessi muri in pietra e tanto legno. Ambiente rustico, quindi, ma anche molto illuminato.

Si tratta, infatti, di un vero e proprio giardino ricavato all’interno delle mura cittadine. Di questo vi accorgerete immediatamente, grazie a questa coloratissima vasca piena di fiori e agli ombrelloni. Una corte pronta ad accogliervi per pasti e spuntini.

La Fontanella-10

La Fontanella-09

Voi, però, non fermatevi qui. Come ho fatto io, chiedete di accomodarvi in terrazza. Vivrete l’esperienza gastronomica con vista più spettacolare che possa capitarvi sull’isola.

La terrazza del Garden Tea La Fontanella, infatti, è su due livelli. Uno stretto corridoio, ricavato proprio sulle mura, che conduce ad un livello superiore, coperto da una tettoia in legno.

Il top è riuscire a trovar posto ai tavolini posti lungo lo stretto corridoio, a ridosso della ringhiera che dà sul precipizio. Sarete coperti da ombrelloni, sarete al fresco, che non è poco con le torride giornate maltesi, e avrete un affaccio a perdita d’occhio fino alla costa nord dell’isola.

La Fontanella-04

Diciamo anche che un po’ “farete a pugni” per occupare questi tavoli. Sarete pronti a schizzare verso uno di questi non appena si libera. Difficile possiate accomodarvi qui al primo colpo e appena arrivati. A me è toccato quello al sole, versante cupola della Chiesa di San Paolo. Non male, ma, appena ho potuto, mi son spostata.

La Fontanella-3

Chiusa la parentesi panoramica su La Fontanella, passiamo al menù. Perché questo locale di Mdina è così famoso e tutti consigliano di andarci? Per le sue torte.

Da più di 40 anni, le ricette di Lousitte, la titolare, rimangono invariate, soprattutto quella della torta al cioccolato e della meringa alla fragola.

Cosa può assaggiare un esigente alimentare speciale? Non tutto.

Non c’è da preoccuparsi, comunque, perché tutte le torte ed i dessert sono homemade e di egual bontà. Probabilmente dipende solo dai gusti.

Partiamo dal gluten free.

Fra i fortunati che possono assaggiare la meringa alla fragola ricetta originale ci sono i celiaci ed i gluten sensitive. Questa, insieme alla torta alla frutta ed a quella arancia e noci, rientra nel corollario di offerte GF.

Come sempre, ci tengo a specificare che non sono celiaca e non posso garantire. Però, nei miei consigli di viaggio per Malta, vi ho lasciato i contatti dell’Associazione Celiachia Malta. Un passaggio con loro lo farei prima di buttarmici a capofitto. Teniamo anche presenti i suggerimenti dati da Francesca Lagonia, nella rubrica “L’esperto risponde“, per i pasti GF fuori porta.

Per il senza latte e senza uova, l’offerta si riduce, come capita spesso.

Potrete trovare offerte senza latte, ma con burro, quindi ugualmente proibitive. Tra le scelte lactose free, indicate dal personale de La Fontanella, c’è una torta a base di cioccolata, arance e frutta secca e questa torta alle carote.

La Fontanella-5

Me l’hanno raccomandata vivamente, l’ho scelta ed ho fatto bene. Moto soffice, gustosa e non mi ha dato reazioni. In quanto a contaminazioni, non mi sento di mettere la mano sul fuoco. Ci sono delle buone probabilità che, sotto forma di tracce, del latte ci sia. Chiarite ben bene la questione, se siete allergici o intolleranti gravi.

Di vegano o bio, c’è molto poco. Anche per ciò che concerne le insalate. Salvo che non vi facciate omettere specifici ingredienti, quelle da menù prevedono ingredienti non adatti a queste diete. Per quanto riguarda le torte, ahimè, dovrete rinunciare.

Anche per quanto riguarda le offerte “salate” ci sono diverse proposte.

Io mi son fiondata su una delle specialità maltesi che desideravo assaggiare: la Ftira.

Quest’ultima, insieme ai pastizzi, è uno degli street food più gettonati. Un parente lontano della nostra pizza italiana, è un pane realizzato con farina, acqua, sale, lievito di birra e olio d’oliva. Niente latte, uova, additivi vari ed anche a basso contenuto di nichel ed istamina, se vogliamo.

Ciò nonostante, si tratta di un pane farcito. Per cui tutti i senza dell’impasto possono essere recuperati nel condimento.

La ftira si può presentare come una pizza, con il cornicione leggermente ripiegato, oppure come l’ho consumata io, completamente ripiegata su sé stessa fin quasi a formare una ciambella tonda tonda.

Anche i ripieni possono variare. Si va dai formaggi ai legumi, passando per tonno, pomodoro, patate o semplicemente capperi, aceto e menta. In termini di nichel ed istamina, direi che recuperiamo alla grande.

In questo senso neanche la mia ftira è stata risparmiata. Il ripieno è stato molto sostanzioso: passata di pomodoro,  capperi, fagioli, insalata di tonno. Abbondante, molto soddisfacente, sicuramente altrettanto saporita e, ahimè con una bella dose di nichel ed istamina. Ciò nonostante l’ho retta comunque bene. Restano fermi l’assenza di latte e uova.

La Fontanella-7

Questi sono solo alcuni esempi dell’offerta gastronomica de La Fontanella. Si può scegliere anche pasta, pizza, insalate, sandwich, caffetteria. Tutto in base a gusti, esigenze e livello di appetito.

Una cosa certamente sazierà i vostri occhi e rimane il panorama. Per cui, in ogni caso, vale comunque la pena venirci.

Qualcuno di voi ci è già stato? Raccontatemi pure la vostra esperienza.

Nel prossimo post metteremo a fuoco la splendida chiesa che balza subito agli occhi dalla visuale de La Fontanella.

La Fontanella-8